martedì 28 febbraio 2012

Il tarallo napoletano

Dopo averlo assaggiato in Africa 
( sembra impossibile ma é proprio così)
sono tornata con una gran voglia
 di provare a farlo.
Mi son messa alla ricerca di una ricettina
che m'ispirasse l'estro culinario 
e l''ho trovata 
(naturalmente grazie alle mitiche Sorelle Simili)
L'occasione era perfetta,venerdì scorso, una cena con gli amici più cari e quindi..

ecco a voi foto


Il  tarallo napoletano by me
e ricetta :

ingredienti


500gr farina 00
150gr strutto morbido
200gr mandorle tritate grossolanamente con la buccia
pepe nero a piacere ( loro ne mettono molto 4gr, ma io ne ho messo meno)
15gr lb o 150gr di lievito madre rinfrescato
15gr sale
230/250 ml acqua


Procedimento


Impastare il tutto dopo aver sciolto il lievito in un pò di acqua tiepida,
 riposare a campana per 30'.

impasto del tarallo
 
Senza rilavorare fare un grosso salsicciottone (io ho diviso in due l'impasto) ed appiattirlo ad 1cm di altezza e 5cm circa di larghezza 
(tipo sciarpa stretta e lunga).
Ricavarne tanti bastoncini larghi 1 cm. Arrotolarli uno per volta, piegarli in due ed attorcigliarli su sè stessi. 
Poi chiuderli a ciambella ed infilare su ognuno una o due mandorle intere.
Cospargerli di sale fino ed in forno
 a 200° per 15', 
 a 160° per 15' 
ed infine a 140° per 20'.

il tarallo prima della cottura
Risulteranno biscottati. 
Se all'inizio dovessero colorarsi troppo, proseguire la cottura coprendo con carta stagnola.
 

Sono buoni e gustosi...uno tira l'altro..
non aggiungo di più, anzi sì, vi dirò solo che un commensale da venerdì scorso é stato ribattezzato tarallo..

Dite gli siano piaciuti?!

AnnaP


°*°PS. Lo riproverò presto con il lievito°*° madre.
*Fatto ed aggiunta variante alla ricetta* 

Se a qualcuno poi rimanesse,oltre all'eccesso di strutto, ancora voglia di sperimentare, 
vi consiglio di fare un salto qui.
Lei é un'amica,cara, simpatica e tanto creativa...compagna fantastica di full-immersion culinarie.
Ha postato una piadina da leccarsi i baffi.
Da provare!!

mercoledì 15 febbraio 2012

Eureka ( idee dalla blogosfera )

Via
Ho scoperto quest'idea geniale proprio oggi e non potevo assolutamente tenerla per me..
Troppo bella!!

Via
Per non parlare di questo semplicissimo 
quanto super utile
 sistema per allacciarsi da sole i braccialetti
**solo se prive di gentil maggiordomo naturalmente  ;-)**

Via
...Non so cosa darei per avere uno strumento simile con bocchetta adeguata per fare finalmente i MACARONS senza impiastrarmi da capo a piedi...
**ODIO la sac-à-poche!!**

Via
E per finire la carrellata di spunti del giorno,
un fantastico Video Tutorial su come farsi lo chignon
in un batter d'occhio
( imparato/mai più abbandonato ) 
Se vi interessasse curiosare ancora un pò restate pure senza complimenti..

Io nel frattempo vi saluto con un grosso 




Bacio
( lo so, lo so, San Valentino é passato
ma che ci volete fare,
sono un'inguaribile romantica..)

sabato 11 febbraio 2012

Tutorials fotografici di cucina

L'Angelica con Pasta Madre
( spunto ricetta Sorelle Simili,
interpretazione e realizzazione personale )

Ingredienti:
Lievitino

135 gr farina manitoba ( 135gr farina di forza )
100gr pm rinfrescata ( 13 gr lievito di birra )
90 ml acqua ( 75 ml acqua )

2°impasto

400gr farina manitoba ( di forza )
125ml latte tiepido ( 120 ml )
3tuorli
1 cucchiaino di sale
125gr burro ( 120 gr )
80gr zucchero ( 75 gr )

Farcitura

100gr uvetta ammollata ( marsala/acqua tiepida )
100gr arancia candita tritata in pasta
zucchero in granella qb ( una manciata abbondante )
gerigli di noce qb spezzettati ( una decina / facoltativi )


Procedimento


Impastare il lievitino e farlo riposare per 1 1/2 h. ca ( comunque dovrà quasi triplicare, quindi il tempo necessario sarà anche legato al tipo di lievito utilizzato, di più con ml, di meno con lb)
In planetaria lievitino +latte+farina ( meno tanti cucchiai quanti tuorli in ricetta, in questo caso tre) ed incordare. Poi gradatamente, sempre mantenendo l'incordatura, un uovo, un terzo di zucchero e un cucchiaio di farina fino ad esaurimento ingredienti ( il sale nella terza dose di zucchero).
Dividere il burro morbido in pezzettini ed aggiungere gradatamente fino a completo assorbimento.
Arrotondare e mettere a lievitare fino al raddoppio a 26° ( forno spento luce accesa )

Primo e secondo impasto


Stendere la pasta, cospargere di burro fuso, disporreil ripieno


Stesura e farcitura
Arrotolare, incidere, incrociare a spirale e formare a ciambella

Formatura

Spennellare di burro fuso, far lievtare a campana, infornare a 200° per 25' ca

cottura e decorazione
Togliere dal forno e cospargere abbondantemente con glassa velante:
1 albume mescolato con  6 cucchiai di zucchero a velo

La mia angelica

Pronta da gustare

lunedì 6 febbraio 2012

Al rientro dal caldo...un fresco Benvenuto

Siamo stati via per qualche giorno,
al caldo al mare,
sperando che questo bizzarro inverno fosse ormai quasi alle spalle...
Ci sbagliavamo,
rientrando ad accoglierci
temperature polari e neve
brrrrr...
Va beh ci scalderanno i ricordi

Al tramonto
Verso casa
Al mattino
i colori

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...